Registro CONI

REGISTRO CONI NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI E SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE

Per godere delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa e concernente le Associazioni e le Società sportive dilettantistiche, il CONI ha istituito l’iscrizione obbligatoria ad un proprio Registro.

Si tratta di un documento che ha valenza nazionale e raccoglie tutte le associazioni e le società sportive dilettantistiche presenti in Italia (ai sensi dell’art.5 c.2 lett. C9 del D.Lgs. 242/99) e che con cadenza annuale viene inoltrato all’Agenzia delle Entrate.

Il Registro del Coni è gestito da un applicativo web e si articola in:

  • una sezione pubblica, contenete tutti i dati dell’ASD/SSD, aggiornati dalla Federazione/Ente di riferimento e consultabili da chiunque si connetta al sito internet del CONI;
  • una sezione riservata, contenente ulteriori dati riservati all’ASD/SSD e alla sua Federazione/Ente, all’Agenzia delle Entrate, all’Inps e al Coni stesso. Solo su richiesta motivata di altre Istituzioni pubbliche, il CONI può procedere all’estrazione dei dati qui inseriti, trasmettendoli agli Enti richiedenti.

Si tratta quindi di un vero e proprio database completo dello sport a livello nazionale, che consente alle associazioni di dimostrare che la società ha natura sportivo-dilettantistica in caso di controlli da parte delle istituzioni.

  1. AGEVOLAZIONI PREVISTE PER LE ASD/SSD ISCRITTE NEL REGISTRO DEL CONI

Le agevolazioni derivanti dal “riconoscimento ai fini sportivi di una ASD/SSD” prevedono innanzitutto la possibilità di usufruire di un regime fiscale agevolato (disciplinato dalla legge 16 dicembre 1991 n. 398 e successive modifiche) sia per quanto riguarda la determinazione dell’Iva che per le imposte dirette, che, inoltre, per gli aspetti giuslavoristici e previdenziali.

In particolare:

  • ai proventi di natura commerciale si applica un coefficiente di redditività molto più basso;
  • esonero dal pagamento delle imposte di bollo (atti, conti correnti, registrazioni ecc.);
  • un sistema forfettario di determinazione dell’Iva;
  • l’esonero dal pagamento delle tasse sulle concessioni governative;
  • l’esonero dall’obbligo di tenuta delle scritture contabili (libro giornale, libro degli inventari, registri Iva, scritture ausiliarie e di magazzino, registro beni ammortizzabili);
  • l’esonero dall’emissione di scontrini e, o ricevute fiscali;
  • l’esonero dalla redazione dell’inventario e del bilancio;
  • l’esonero dagli obblighi di fatturazione e registrazione (tranne che per sponsorizzazioni, cessione di diritti radio – TV e pubblicità);
  • la possibilità di iscrizione all’elenco delle ASD che partecipano al riparto del “5 per mille” dell’IRPEF, in base all’art. 1, comma 1, lettera “e” del DPCM del 23/04/2010;
  • la de-commercializzazione dei corrispettivi specifici percepiti da soci, associati e tesserati, di cui al comma 3 dell’art. 148 del TUIR (DPR n. 917/1986)ai fini delle imposte dirette, e art. 4, comma 4 del DPR n. 633/1972, ai fini IVA;
  • la possibilità di erogare compensi agli sportivi dilettanti e ai collaboratori amministrativo-gestionali, con un regime fiscale agevolato, in quanto rientranti nella categoria dei “redditi diversi” (cioè, per i primi 10.000 euro annui, sono esenti da IRAP, IRPEF e contributi INPS – artt. 67 e 69 del TUIR (DPR 917/1986)e norme collegate, nonché l’art. 1, comma 228 della Legge di Bilancio 2018).

 

  1. L’ITER PER ISCRIVERE UNA ASD/SSD AL REGISTRO CONI

Dal 1° gennaio 2018 è entrato in vigore il nuovo Registro CONI 2.0, pertanto i dati presenti sul vecchio Registro sono già stati migrati dal CONI sul nuovo Registro ed accorpati per codice fiscale della ASD/SSD. Invece per chi dovesse iscrivere per la prima volta una nuova società/associazione sportiva il percorso è piuttosto articolato.

Per accedere al nuovo registro (https://rssd.coni.it/), il legale rappresentante dell’associazione deve accreditarsi registrandosi aul portale del CONI inserendo tutti i dati richiesti.

Questo passaggio è preceduto dall’autorizzazione al trattamento dei dati nel rispetto della privacy ed è seguito dalla firma che il legale rappresentante deve apporre sulla dichiarazione sostitutiva in formato cartaceo. Tale dichiarazione va poi scansionata, insieme al documento d’identità del legale rappresentante in un unico file pdf e inoltrata al CONI. A procedura ultimata, l’utente visualizzerà una notifica e riceverà una mail di conferma. Nel caso di mancata ricezione della comunicazione, è consigliabile memorizzare i dati riportati al termine della compilazione, in modo da poter richiedere supporto. In alternativa, il legale rappresentante può scaricare un manuale di istruzioni che lo guideranno passo passo nell’iscrizione al Registro CONI, questo è il link:

https://rssd.coni.it/manuale.pdf

Per richiedere maggiori informazioni e richiedere il supporto per la registrazione nel Registro del CONI ti invitiamo a contattarci nella sezione Contatti